Come iniziare un discorso: vincere la paura di parlare in pubblico

Come iniziare un discorso: vincere la paura di parlare in pubblico

Il parlare è un’attività naturale che rende unico l’essere umano e spesso si pensa che per questo motivo, anche rivolgersi a un gruppo di due o più persone, a un pubblico numeroso o ristretto con un discorso, sia una cosa altrettanto semplice. La realtà è ben diversa, dato che spesso si ha difficoltà a iniziare un discorso, trovandosi innanzi a una platea senza nulla da dire e con il completo vuoto mentale. Come iniziare un discorso (scopri i consigli di Massimiliano Cavallo) è ciò che andremo a vedere in questo articolo al fine di permettervi di far sentire sempre la vostra voce e le vostre opinioni.

Come iniziare un discorso

Un discorso prevede una tematica precisa, la necessità di attirare l’attenzione del pubblico e la capacità dell’oratore di riuscire ad esprimere ciò che sta dicendo mantenendo, per tutto l’arco del tempo, l’attenzione della platea.

L’inizio di un discorso è tra gli aspetti più difficili, dato che una volta saliti su un palco o rivolti verso un gruppo di persone che vi fissano in attesa di sentire ciò che dovete dire, ci si ritrova spesso insicuri, incerti su quello che si deve dire e scattano spesso meccanismi di blocco del linguaggio.

Per iniziare un discorso la prima cosa che si deve effettuare è quella di vincere la paura e ciò è possibile solo grazie la conoscenza e la preparazione.

La parte iniziale di un discordo

Quindi per iniziare in modo valido un discorso dovete necessariamente conoscere in maniera molto approfondita ciò che volete trasferire al pubblico che avete di fronte. La preparazione è conoscenza, che allontana la paura e l’incertezza.

Una volta che si è sicuri di ciò che avrete imparato non si avrà difficoltà a rivolgerei alle persone. Ma come pepare un discorso? Molti oratori pensano che ciò significa imparare a memoria le parole da ripetere, in particolare se si deve iniziare un discorso breve: sono poche frasi che vengono ripetute centinaia di volte anche davanti allo specchio, simulando il parlare in pubblico.

Imparare a memoria può essere considerata una sorta di trappola per la mente, facendo perdere al discorso la spontaneità, la magia e l’enfasi che spingeranno il pubblico ad ascoltarvi. Inoltre spesso capita che una volta sul palco, le centinaia di ripetizioni di quelle poche frasi scompaiono dalla mente, lasciando l’oratore in completo stallo.

Per poter affrontare l’inizio di un discorso in modo giusto, sarà necessario creare delle linee guida, ovvero strutturare quella che è la forma del discorso, anche eventualmente scrivendolo, ma senza impararlo a memoria.

Come creare le linee guida

Per creare le linee guida che devono essere affrontati alcuni step fondamentali:

• scegliere un argomento: sarà necessario scegliere una tematica che conoscete bene, e che può essere di interesse per la platea.
• Approfondire l’argomento: una volta stabilito ciò che volete dire, dovrete interiorizzare la tematica del vostro discorso, effettuando ricerche, informandovi, utilizzando i social per conoscere le opinioni delle persone e anche la più piccola realtà che riguarda quella tematica. Solo se credete realmente in quello che state dicendo, potrete convincere le persone ad ascoltarvi.
• Focalizzare le idee: organizzare lo schema del vostro discorso è il passo successivo. Dovrete quindi avere un inizio, una fase centrale e infine un modo per chiudere ciò che state dicendo.

Cosa dire nella parte iniziale di un discorso: suscitare l’attenzione delle persone

L’inizio del discorso è il momento più difficile per un oratore, dato che attraverso le frasi iniziali, dovrete attirare l’attenzione del pubblico e mantenere l’interesse per tutto il tempo che sarete sul palco. Avere delle persone che sono disinteressate e che parlano mentre dovrebbero ascoltarvi è una cosa davvero spiacevole e demotivante.

Ma come iniziare un discorso? Mettete da parte i ringraziamenti, oppure la descrizione della felicità che provate a essere stati chiamati o i commenti umoristici. Sono tutte realtà tipiche di chi non ha nulla di interessante da dire e che non suscitano più di una breve risate dalle persone. La gente è attratta dalle storie, dagli eventi della vita reale soprattutto se queste possono essere riscontrate anche nella loro esistenza.

Per questo può essere molto utile iniziare delimitando in poche parole l’argomento che affronterete, con il titolo del vostro discorso, in modo da far sapere al pubblico quale sia l’argomento, per poi passare subito a raccontare qualcosa che sia collegato alla vostra tematica ma che rispecchi una storia di vita, una realtà umana. Ogni parola che viene espressa deve essere piena di entusiasmo e vitalità, dato che se siete convinti di quello che state dicendo anche le persone che vi ascoltano lo saranno.

You may also like