Coltivare Marijuana in casa – Weedly.it

Coltivare Marijuana in casa - Weedly.it

La sentenza della Corte di Cassazione del 19 dicembre 2019 ha depenalizzato la coltivazione di piccole quantità di marijuana destinate ad uso personale.

Che si parli di cannabis light o ad alto contenuto di THC, prima di coltivare marijuana in casa, è necessario conoscere alcune informazioni utili che permettano di farlo in sicurezza.

La sentenza ha stabilito che: “non costituiscono reato le attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica”. Tuttavia non ci sono riferimenti specifici circa i quantitativi che definiscono la “coltivazione di minime dimensioni”.

Coltivare cannabis legale resta quindi un campo minimato, su cui è necessario fare ulteriore chiarezza per evitare di commettere reati.

Coltivare canapa light

Meno dubbi per ciò che riguarda la coltivazione di canapa light in casa, grazie alla legge 242/2016. Infatti, la norma permette di coltivare cannabis light senza dover richiedere autorizzazioni specifiche, purché si usino semi depotenziati e certificati a livello europeo, inseriti in un elenco approvato.

Tali semi devono presentare concentrazioni di THC pari o inferiori allo 0,2% con tolleranza fino a 0,6%.  Inoltre, bisogna conservare la ricevuta di acquisto di cannabis legale per almeno un anno.

È bene specificare che la Legge sulla coltivazione della canapa sativa non parla espressamente di coltivazione casalinga, ma di colture che hanno lo scopo di riduzione di problematiche ambientali, cita, inoltre, la possibilità di coltivare canapa legale, di varietà sativa depotenziata come alternativa di rotazione o destinata a sostituire colture in eccedenza.

Inoltre, viene specificato che è possibile coltivare cannabis per pratiche industriali come la produzione di cosmetici, materie prime per l’industria, florovivaismo, produzione tessile, ect… Vi invitiamo la normativa di riferimento per un maggiore approfondimento.

Da questa breve considerazione, si evince che coltivare marijuana legale in casa senza uno di questi presupposti, può potenzialmente comportare rischi e problemi.

Consigli utili per coltivare marijuana legale in casa

Coltivare cannabis legale in casa è un’operazione relativamente semplice, dato che la pianta tende a crescere spontaneamente e a produrre infiorescenze per buona parte dell’anno.

Occorre comunque un’attrezzatura specifica e la capacità di produrre un ambiente con temperature e condizioni favorevoli.

La prima cosa da fare è decidere se optare per una coltivazione esterna o in casa. Nel primo caso bisogna trovare il terreno adatto, se possibile, argilloso, che consenta un’innaffiatura semplice, soprattutto in estate.

Se, invece, si decide di coltivare la cannabis in casa bisognerà allestire una sorta di grow room per coltivazione. Si tratta di spazi chiusi che hanno lo scopo di ricreare l’atmosfera naturale della pianta, in modo da potergli dare l’acqua, la luce e la ventilazione necessaria per farla crescere nel miglior modo possibile.

Infatti, la canapa ha bisogno di molta luce per poter crescere bene e piena di fiori, per cui bisognerà utilizzare lampade a LED, in modo da tenerle sempre accese, puntando comunque al risparmio energetico.

Il clima della grow room è importante. Le piante di cannabis necessitano di temperature apposite, per cui sarà necessario installare una centralina per regolare diversi parametri tra cui per l’appunto la temperatura e l’umidità.

Con un sistema di ventilazione, invece, sarà possibile evitare che l’aria ristagni, causa primaria di funghi e muffe che potrebbero distruggere la pianta.

Il termoigrometro è uno strumento fondamentale che non deve mancare all’interno della serra, in quanto fornisce informazioni sul clima, aiutando a comprendere lo stato in cui si trovano le piante.

Ricordiamo, infine, che un clima troppo secco o troppo umido, può non favorire la crescita della cannabis e, in alcuni casi, portare alla morte delle piante.

Quindi è indispensabile monitorare costantemente l’ambiente della grow room per evitare di perdere tutto il lavoro fatto per la coltivazione e la crescita delle piantine.

You may also like