Che cos’è un server proxy

Che cos'è un server proxy

Il proxy è un intermediario tra rete (quasi sempre Internet) e computer. Si tratta di un programma che funge come strumento di protezione quando si naviga online perché permette di farlo in modo anonimo e nascondendo l’indirizzo IP che si sta utilizzando.

Il server proxy HTTP

Questo tipo di strumento funziona sostanzialmente un tramite tra PC personale e Internet. Agisce assecondando la necessità dell’utente online di essere trasferito, utilizzando il proprio indirizzo IP, verso il sito di destinazione. Con il proxy, in pratica, non ci sono contatti diretti tra l’utente e il sito di destinazione e quindi protegge dai pericoli che possono derivare dalla navigazione online.

Il server proxy viene impiegato per tutelare la sicurezza degli utenti che si collegano a internet e navigano nel web attraverso reti private. Tutte le informazioni che vengono da internet vengono filtrate dal proxy prima di arrivare all’utente finale. Si riconosce dall’acronimo “HTTP”, il quale identifica la sicurezza del sito che si sta visitando per poterlo visualizzare senza paure.

Il reverse proxy, invece, è un server che protegge la rete pubblica dai contenuti che potrebbero arrivare dagli utenti. Prima di connettersi al web, questo tipo di proxy controlla la sicurezza del sito che si desidera visitare e soltanto dopo permette di visualizzarlo. Quando sono presenti dei dubbi, i dati degli utenti sono trasferiti a dei server che lavorano in background per fare ulteriori controlli.

Come funziona un proxy

I proxy sono strumenti utili per connettersi a Internet in modo sicuro ma è necessario sapere che questi funzionano anche al contrario, ossia per tutelare e proteggere siti web da possibili attacchi che possono arrivare da un utente o dalla rete.

Utilizzando l’IP fornito dal proxy e non quello personale si potrà avere un anonimato quasi totale, mentre utilizzando un server straniero si potrà sfuggire alle restrizioni geografiche che potrebbero bloccare alcuni contenuti in determinati Paesi. I proxy permettono di filtrare contenuti e richieste di rete permettendo agli utenti di non essere a diretto contatto con Internet, navigando con un intermediario che li tiene al sicuro. Trattandosi di una sorta di “filtro”, però, qualsiasi cosa si faccia nel mondo del web rimane tracciabile, quindi se il proprietario del server fosse un malintenzionato potrebbe avere accesso a tutte le informazioni ed i dati comunicati ad esempio su e-commerce (indirizzi, carte di credito, ecc.) o siti di home-banking.

Perché usare un server proxy

Il primo motivo fondamentale per cui è consigliabile usare un server proxy è per la propria protezione. Con questo strumento, connettendosi ad una rete esterna si impedirà ad altri dispositivi connessi a Internet nello stesso istante di accedere al proprio apparecchio che si tratti di un PC o di un dispositivo mobile. Generalmente il server proxy è una funzionalità già integrata nel “firewall” dei diversi prodotti di tecnologia. Un computer programmato per comunicare tra reti Internet e aziende, ad esempio blocca senza alcuna esitazione tutte quelle richieste catalogate e ritenute sospette.

Grazie al server proxy, i dispositivi che saranno utilizzati avranno una propria “memoria” online. I siti visitati più spesso potranno essere raggiunti rapidamente senza dover digitare ogni volta l’indero indirizzo sulla barra. I cache proxy agiscono memorizzando queste informazioni e rendendo la navigazione più piacevole e veloce.

Come impostare un server proxy

Per proteggere la propria connessione usando un server proxy la prima cosa da fare è selezionare il browser o il software da utilizzare, andando nel menu “opzioni”, poi “impostazioni del browser”. A questo punto si configura il server selezionando manualmente l’indirizzo IP con cui ci si vuole connettere online in maniera sicura.

Una soluzione molto più semplice è quella di optare per il cosiddetto web proxy. Si tratta praticamente di un sito da visitare per poter navigare verso altri siti utilizzando un proxy già impostato senza che la configurazione debba essere fatta manualmente e senza necessità di competenze informatiche e tecniche particolari.

You may also like