Perché seguire un corso di massaggio decontratturante: vantaggi e benefici di questo trattamento

Perché seguire un corso di massaggio decontratturante vantaggi e benefici di questo trattamento

Il massaggio decontratturante è una tipologia di massaggio che mira a sciogliere le contratture dei muscoli.

È particolarmente utile per coloro che praticano sport, ma anche per tutte quelle persone che sono costrette, per motivi di lavoro, a passare diverse ore sedute o in piedi.

Se sei interessato a frequentare un corso di massaggio decontratturante o un corso di massaggio sportivo online per dedicarti professionalmente a questa attività, per aumentare le tue competenze o semplicemente per informarti sui vantaggi che comporta questo tipo di trattamento, i successivi paragrafi ti offriranno una più ampia panoramica dell’argomento.

Cosa sono le contratture e come si formano

Con il termine contratture si indicano delle retrazioni muscolari che, causando dolore, ostacolano fortemente i movimenti. Possono essere diagnosticate a pazienti di ogni età e in modo particolare alle persone che presentano uno scarso tono muscolare o che, al contrario, sottopongono la propria muscolatura a tensioni eccessive. Tra le zone maggiormente soggette alle contratture, infatti, troviamo il collo, le spalle, la schiena, la fascia lombare, le gambe e la pianta dei piedi.

Le contratture sorgono a causa delle cattive posizioni che spesso si assumono involontariamente nel corso della giornata, oppure in seguito di movimenti bruschi e traumi dovuti a sforzi esagerati.

Sono generalmente riconosciute come traumi indiretti e, pur potendo provocare disagi di considerevole entità nell’esecuzione delle più semplici azioni quotidiane, non sforzano la fibra muscolare al punto di danneggiarla o romperla. Possono inoltre interessare un’intera fascia muscolare o solo una parte di essa.

Fra i rimedi comunemente più utilizzati per le contratture di lieve entità troviamo i farmaci antinfiammatori e l’obbligo di rimanere a riposo, tuttavia è possibile che i problemi persistano anche in seguito a questi trattamenti. Questo accade, ad esempio, nel caso di contratture non curate o non trattate adeguatamente. È dunque necessario intervenire con alcune sedute di massaggio decontratturante.
La soluzione da preferire, naturalmente, è quella di affidarsi a dei professionisti, che abbiano seguito un corso di massaggio decontratturante.

Cosa si intende per massaggio decontratturante sportivo

I corsi di massaggio decontratturante sportivo offrono le competenze specifiche adatte a operare sulle fasce muscolari degli atleti, frequentemente soggette a eccessivi sforzi causati dagli allenamenti.
Questo tipo di massaggio è particolarmente indicato sia per chi pratica uno sport a livello agonistico, sia per coloro che fanno sport per semplice hobby.

È importante ricordare che il massaggio deve essere personalizzato, ossia eseguito in base alle specifiche esigenze dell’atleta.
Chi si sottopone al massaggio decontratturante prima di svolgere una gara (pre-gara), ad esempio, avrà bisogno di stimoli muscolari differenti rispetto a quelli che si rendono necessari immediatamente dopo un allenamento (post-gara). Un terzo tipo di massaggio è invece quello che viene eseguito circa 48 ore dopo che l’atleta ha eseguito gli sforzi richiesti dall’allenamento o da una competizione e, in questo caso, si parla di massaggio defatigante.

Quali sono i benefici del massaggio decontratturante?

Il massaggio decontratturante è utile sia per intervenire sulle contratture già formate, sia per prevenirne di nuove e, se eseguito regolarmente, può apportare diversi benefici fisici anche a lungo termine.

Può infatti apportare un netto miglioramento alla circolazione vasale, un maggiore equilibrio dell’armonia tensiva muscolare, una maggiore flessibilità del corpo in generale e l’ottimizzazione dell’ossigenazione i tessuti.

Una corretta stimolazione del sistema circolatorio induce inoltre alla vasodilatazione e favorisce la diminuzione della pressione arteriosa. Permette inoltre un migliore metabolismo cellulare e facilita l’eliminazione delle tossine, oltre che la diminuzione degli stati d’ansia.

Il massaggio decontratturante richiede competenza ed esperienza, in quanto deve essere effettuato in due fasi ben precise e secondo specifiche tecniche: la prima fase prevede l’utilizzo di manovre di frazionamento e sfioramento (utili a riscaldare la zona indolenzita), la seconda fase invece richiede manovre di sfregamento e impastamento (che andranno a sciogliere la contrattura).

You may also like