Come risparmiare con tariffa bioraria energia elettrica sulla bolletta luce

Come risparmiare con tariffa bioraria energia elettrica sulla bolletta luce

Che rapporto hai con il postino? No, non siamo impazziti né vogliamo sapere se nella tua cerchia di amici vi è qualcuno che lavori alle Poste. In realtà ci riferiamo ad una delle più importanti fonti di stress per le famiglie: le bollette da pagare. Fra tutte, soprattutto la bolletta della luce è percepita come eccessivamente cara: da un recente sondaggio realizzato dall’Associazione dei Consumatori, infatti, è emerso che oltre il 75% degli Italiani ritiene che il dispendio energetico sia troppo elevato.

Se anche tu hai l’incubo di pagare le bollette a fine mese sei (purtroppo) in ottima compagnia, come vedi. Ma una soluzione per ottenere una riduzione realmente significativa esiste: la fascia bioraria Enel è stata pensata proprio per le necessità di risparmio delle famiglie.

Se vuoi saperne di più non ti resta che proseguire nella lettura!

Fascia oraria Enel: come funziona?

Per vedere realmente una significativa riduzione sulla bolletta della luce puoi provare le tariffe biorarie Enel.

Si basano sul principio dell’applicazione di un prezzo della luce diverso a seconda del momento della giornata in cui consumiamo maggiormente l’energia elettrica. In particolare il risparmio si realizza concentrando i consumi casalinghi in queste fasce orarie:

  1. ore serali e notturne (tra le 20 di sera e le 8 del mattino)
  2. l’intera giornata del sabato
  3. l’intera giornata della domenica
  4. tutti i festivi.

Il risparmio che si ottiene è davvero tangibile: è stato infatti calcolato che tra il 2012 e il 2014 il prezzo dell’energia elettrica nelle fasce agevolate è crollato di oltre il 36%.

Decisamente interessante, no?

Perché si risparmia con la fascia oraria Enel

L’offerta relativa alla fascia bioraria si basa sul principio secondo cui durante le ore diurne il consumo globale di energia elettrica è nettamente superiore.

Pensiamo ad aziende, uffici, esercizi commerciali, supermercati: sono proprio loro ad effettuare il consumo in assoluto maggiore di kilowatt e lo fanno, per ovvie ragioni, nelle ore diurne dal lunedì al venerdì.

La fascia oraria Enel punta dunque ad agevolare al massimo proprio chi, per lavoro, è sempre fuori casa e può quindi dedicarsi alle attività “casalinghe” nelle ore serali e durante i festivi. Un bel risparmio pensato proprio per le famiglie!

Ma non solo: evitare il sovraccarico di energia rappresenta un grande aiuto per l’ambiente e per l’economia, scongiurando il rischio di pericolosissimi black out.

Utilizzare la fascia oraria Enel, insomma è un bel vantaggio per tutti.

Come cambiare le tue abitudini in funzione della fascia oraria Enel

Ti starai chiedendo, a questo punto, in che modo sfruttare al massimo questa conveniente opzione messa a punto da Enel. Basta adottare alcuni semplicissimi accorgimenti, che con il tempo diventeranno gesti quasi automatici per la tua famiglia.

Ecco alcuni suggerimenti utili:

  1. Fai partire il ciclo di lavaggio della tua lavatrice nelle ore notturne. Ormai quasi tutte le lavatrici hanno la possibilità di ritardare la partenza del lavaggio di un numero preimpostato di ore; programma la partenza durante la notte o alle prime ore dell’alba. Otterrai un significativo risparmio e riuscirai a far asciugare il bucato più velocemente, sfruttando le ore del giorno.
  2. Anche la lavatrice può essere impostata dopo le 20. Prendila come abitudine: anziché lavare i piatti più volte al giorno, fallo dopo cena in un unico ciclo.
  3. Concentra le attività di pulizia casalinga nel fine settimana. Stirare, passare l’aspirapolvere, attivare l’asciugatrice, lucidare i pavimenti sono tutte attività rimandabili al fine settimana, quando oltretutto si ha più tempo a disposizione.
  4. Prediligi una bella doccia calda nelle ore serali. Oltre a farti risparmiare, ti aiuterà a conciliare il sonno e a dormire meglio.

Grazie alla tariffa oraria Enel i tuoi consumi di energia si ridurranno in maniera significativa. Cosa aspetti a cambiare anche tu?

You may also like